BONUS VERDE 2018 - Lavori per giardini , terrazzi , balconi, giardini pensili privati e condominiali.

BONUS VERDE 2018 - Lavori per giardini , terrazzi , balconi, giardini pensili privati e condominiali.

 

BONUS VERDE

 Importo della detrazione e limite di spesa

 . detrazione d’imposta per persone fisiche e condomini

 . detrazione del 36% dell’IRPEF (imposta sui redditi)

. limite massimo di spesa agevolabile : € 5.000.= (compreso IVA )

. importo massimo detraibile € 1.800.=

. detrazione in 10 anni con quote di pari importo ( es : € 180.=/anno)

. il BONUS VERDE non è legato come il Bonus Mobili all’esecuzione di lavori di ristrutturazione edilizia

Altre condizioni

. il proprietario di più unità immobiliari potrà essere agevolato per l’importo di € 5.000.=, IVA compresa, per ciascuna delle proprietà

. se l’unità immobiliare è classificata ad uso promiscuo il Bonus viene dimezzato

. il cumulo della detrazione è ridotta del 50% in presenza di agevolazioni per gli immobili vincolati

. la detrazione non fruita può essere trasferita in capo all’acquirente dell’unità abitativa,  se persona fisica, od all’erede

  che conserva la detenzione materiale e diretta del bene

. i condomini beneficiano dell’agevolazione di € 5.000.= per ogni unità immobiliare  (un condominio con 10 appartamenti avrà un limite massimo

  di spesa agevolabile di € 50.000.= compreso IVA, che poi sarà ripartito secondo i millesimi di proprietà)

. il BONUS VERDE verde è usufruibile a cadenza annuale, se verrà rinnovato

. il BONUS VERDE verde privato può essere cumulabile con il bonus verde per lavori condominiali e quindi il proprietario potrà usufruire

  di un limite massimo agevolabile di € 10.000.= compreso IVA ;

Destinatari

. persone fisiche - privati, proprietari di unità immobiliari residenziali e condomini

. possiedono l’unità immobiliare “abitativa “ sulla quale sono eseguiti gli interventi:

  . proprietario, nudo proprietario

  . titolari di altri diritti reali ovvero uso (art. 1021 c.c.) , usufrutto (art. ì981. c.c.),abitazione (art. 1022 c.c.) o diritto di superficie (art. 952 c.c.)

  . detengono l’unità immobiliare abitativa sulla base di un titolo idoneo : . l’inquilino in forza di un contratto di locazione (art. 1571 c.c.)

                                                                                                                    . il comodatario in base ad un contratto di comodato (art..1803 c.c.)

Tipologia di immobili “agevolati”

. esclusivamente unità immobiliari “ad uso abitativo”,ovvero quelle che all’ex Catasto (ora AGE – Territorio ) risultano classificate nel gruppo “A”,

  con esclusione della categoria “A/10” – Uffici.

. parti “a comune” degli edifici condominiali : si tratta quindi delle parti comuni esterne degli edifici condominiali  descritte agli art. 1117 e 1117-bis c.c.  

Lavori agevolabili

. solo relativi ad edifici e case esistenti

 .sistemazione del verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari e pertinenze : giardini ,

  balconi e terrazzi (anche condominiali),giardini pensili

. come precisato dall’Agenzia delle Entrate il BONUS VERDE si rivolge esclusivamente ad “interventi straordinari” di sistemazione a verde,

  con la conseguenza che l’opera ,per essere agevolabile, deve riguardare la realizzazione di un intero giardino oppure un rifacimento

  importante dello stesso;

. per gli interventi relativi a terrazzi e balconi viene ammessa la spesa sostenuta per l’acquisto e la piantagione di alberi,

  cespugli ed arbustive, con carattere di essenze perenni cioè verde perenne e strutturato che dura nel tempo ;

1.Fornitura e messa a dimora di piante ed arbusti

2.Riqualificazione di prati,anche parziale (con esclusione di quelli utilizzati per uso sportivo con fini di lucro),

   rifacimento di manti erbosi ;

3.Installazione o rifacimento di impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi e cisterne

4.Lavori per la trasformazione di un’area incolta, purchè pertinenziale,anche condominiale in aiole e giardini  

5. Recupero e ristrutturazione di giardini, anche di interesse storico

6. Spese di progettazione e di manutenzione degli “interventi straordinari”

7. trasformazione in tutto od in parte del cortile condominiale in giardino

8. le piante in vaso sono agevolabili solo nell’ambito di un intervento “straordinario” complessivo

9.coperture e terrazzi condominiali trasformati in giardini pensili/tetti verdi

10. potatura e taglio alberi solo nell’ambito di un intervento totale di rinnovo del giardino

11. il robot tagliaerba solo se si è creato un prato nell’ambito del rinnovo totale del giardino

. per alcuni lavori come quelli per la recinzione (lavori per la sicurezza),vialetti del giardino ,marciapiede perimetrale

  del giardino dell’unità immobiliare, ecc. risulta più conveniente usufruire del BONUS 50% delle ristrutturazioni edilizie. 

Lavori non agevolabili :

 . spese per la manutenzione ordinaria (quelle operazioni che si ripetono più volte durante l’anno

   come la potatura delle siepi ,la rasatura del prato, ecc.)

. lavori eseguiti in economia,cioè con acquisto diretto dei materiali

. semplice acquisto di vasi con fiori per balcone

. lavori per aree verdi pertinenti ad edifici non residenziali ( uffici/commerciali)

A chi rivolgersi per l’esecuzione dei lavori

  . ditte ed artigiani professionisti per l’acquisto e la messa a dimora delle piante e per gli altri interventi di sistemazione del verde

Fattura

 .  oltre la descrizione del lavoro, la fattura deve essere completata con la dicitura " in ottemperanza alla Legge 205 del 2017 art. 1 comma 12-15 ”.

 . il documento va’ conservato ed utilizzato per la dichiarazione dei redditi

Pagamento

 . bonifico ordinario, assegni bancari , circolari e postali, carte di credito, bancomat

Scadenza

  . 31.12.2018, ma dovrebbe essere rinnovato.

Alfagest Roma © Riproduzione Riservata.